Costi di commutazione

Quando lasciano un sito per passare ad un altro i consumatori di informazione pagano un  costo, detto di commutazione:

  • il tempo necessario per la ricerca di un altra risorse;
  • l’adeguamento operativo e cognitivo al diverso design e alla differente impostazione.

Il costo di commutazione è uno dei fattori di fidelizzazione ai diversi siti, una sorta di rifiuto inerziale al cambiamento e favorisce di conseguenza i siti più grandi, a cui i consumatori si assuefanno in misura maggiore.

Un commento

Rispondi a Budget dell’attenzione – Concetti Contrastivi Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...