Strategie retoriche dei Tweet di Trump

Mauro Barberis è lapidario: la comunicazione di Trump – che  giudica possedere qualità destinate a eccellere nell’era digitale – è orientata a costruire una realtà parallela, mirata a valorizzare i pregiudizi dei suoi sostenitori, oggetto di accurata catalogazione e analisi sociometriche. A questo proposito, lo studioso riporta una classificazione dei tweet del presidente degli USA:

“Primo, proposte grottesche, come l’acquisto della Groenlandia, ma tali da dettare l’agenda politica. Secondo, distrazioni dell’attenzione dai problemi reali, come il riscaldamento climatico, gettandosi in polemiche con (altre) persone di spettacolo. Terzo, ribaltamento dell’accusa di diffondere fake news sui propri nemici, accusati di diffonderle loro. Quarto, provare un’opinione qualsiasi con i follower, tanto per vedere l’effetto che fa”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...