Alfabetizzazione sistemica

Secondo James Brindle è una necessità culturale di fondo della nostra epoca:

“l’alfabetizzazione sistemica è un pensiero che si occupa di ciò che non è computabile pur accettando che il mondo è irrevocabilmente modellato e informato dalla computazione”.

L’autore sostiene che questo approccio, che comprende l’incertezza e la consapevolezza di non  potere conoscere tutto. è necessario per emanciparsi individualmente e collettivamente dall’idea del soluzionismo, ovvero che il mondo possa e debba essere computato in tutti i suoi aspetti e che ogni problema possa e debba essere risolto ricorrendo al mero calcolo, e dalla “mentalità da alveare dei social media”.

Va compreso e messo in discussione il controllo da parte di “élite senza scrupoli e multinazionali inumane” di strumenti che hanno il potere di modellare e indirizzare l’azione e il pensiero. Vanno ricostruiti intenzioni, scopi, contesti, conseguenze e implicazioni.

La critica radicale ha bisogno di costruire un proprio “metalinguaggio“, in grado di descrivere in modo divergente il mondo costruito dai sistemi tecnologici complessi e capace di ribaltarne le metafore e, più in generale, di denunciare la:

“poca chiarezza con cui [i] sistemi vengono costruiti o descritti, e i sostanziali, globali problemi di disuguaglianza, violenza, populismo e fondamentalismo [che ne conseguono]. Fin troppo spesso le nuove tecnologie ci vengono presentate come intrinsecamente emancipatrici.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...