Colpo di Stato epistemico (epistemic coup)

In un saggio del 29 gennaio 2021, Shoshana Zuboff definisce così la detenzione di fatto e in forma esclusiva da parte dei capitalisti della sorveglianza – non eletti a tale scopo da nessuno – delle risposte alle domande relative al possesso della conoscenza: come è distribuita, qual è l’autorità che governa la sua distribuzione e qual è il potere che protegge tale autorità?

I mediatori informazionali si autoattribuiscono i diritti di proprietà sulle nostre informazioni personali e difendono tale facoltà con il controllo dei sistemi informatici critici e delle infrastrutture digitali essenziali.

L’epistemic coup prevede quattro fasi:

  • appropriazione dei diritti epistemici sulle informazioni sulla vita delle persone da parte delle aziende;
  • disuguaglianza epistemica tra ciò che una persona sa di sé e che cosa se ne può sapere con la captazione e l’elaborazione digitale;
  • caos epistemico generato dal microtargeting algoritmico, che frantuma la realtà condivisa, avvelena il discorso sociale, paralizza la politica democratica e diffonde polarizzazione e odio – questa fase è in corso;
  • istituzionalizzazione della governance computerizzata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...