Logistica capitalistica

Mezzadra e Neilson ci ricordano che:

Stefano Harney e Fred Moten indagano la relazione storica tra logistica e tratta degli schiavi per sostenere che i processi logistici ridefiniscono relazioni di proprietà e soggettività, (…) producendo «popolazioni logistiche» che ampliano i circuiti attraverso «nuovi adattamenti, traduzioni, governance, scale e approssimazioni».
(…) la logistica [viene analizzata] come un insieme fondamentale di tecniche e tecnologie che servono a coordinare ed eseguire le operazioni capitalistiche contemporanee, con conseguenze per il controllo del lavoro, la produzione dello spazio e persino la comparsa di nuovi immaginari nella cultura e nell’arte.
(…) questi dibattiti si sono sviluppati in parallelo a una serie di lotte nelle industrie logistiche, che vanno, per esempio, dai porti della California ai magazzini di Amazon in Germania e ai porti interni del nord Italia.
I processi di zonizzazione e tracciamento di corridoi che derivano dagli sviluppi logistici hanno anche alimentato lotte violente, come nel caso della creazione del cosiddetto corridoio industriale Delhi-Mumbai.’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...