Self-service (wo)man

In particolare portando in giro – magari sul lavoro, ma un po’ dovunque – il nostro aggeggio digitale iperconnesso, ci trasformiamo in auto-assistenti o in supplenti di attività soppresse, in beneficiari di servizi che realizzano in prima persona parte delle attività necessarie per la sua erogazione (un esempio per tutti, il check-in online) e che diventano così complici di mortificazione salariale, precarizzazione, intensificazione della competizione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...