GAFAM pro domo(tica) sua

Barassi ci fornisce un utile elenco di disposivi “smart”, cosiddetti essenzialmente perché imparano dalle abitudini degli utenti, ovvero accumulano ed elaborano dati su di essi.

– dispositivi di sicurezza smart (telecamere di sorveglianza gestite tramite app, telecamere per babysitter),

– elettrodomestici intelligenti,

– dispositivi di intrattenimento (smart tv, sistemi musicali wireless, videogiochi),

– dispositivi per il monitoraggio dell’illuminazione (lampadine e interruttori intelligenti che possono essere controllati a distanza),

– dispositivi per soluzioni uniche, pensati cioè per offrire soluzioni a problemi specifici (come, per esempio, la gestione degli animali domestici). (…) grazie agli sviluppi nel campo del deep learning, ora è possibile interagire con molte di queste tecnologie tramite assistenti virtuali azionati con la voce. L’arrivo dell’intelligenza artificiale ci ha messo di fronte a una vera e propria rivoluzione tecnologica e sociale, in grado di cambiare il modo in cui ci relazioniamo con i computer.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...