Alla nostra salute!

Inizialmente fu, come ci dice Wikipedia:

un servizio di Google lanciato nel 2008, e interrotto dal 1º gennaio 2012[1], che consentiva alle persone di archiviare e gestire le proprie informazioni mediche in un’unica posizione. Google concluse le attività di questo servizio per mancanza di diffusione dello stesso.
Le informazioni volontarie potevano comprendere “condizioni di salute, farmaci, allergie e risultati di laboratorio”[2]. Una volta inserite, Google Health utilizzava le informazioni per fornire all’utente una cartella clinica personale globale, informazioni sulle condizioni e possibili interazioni tra farmaci, condizioni di salute e allergie[3]. L’API di Google Health era basato su un sottoinsieme del Continuity of Care Record[4].

Il progetto è stato poi ripreso nel 2018:

“Google Health si impegna ad aiutare tutti a vivere ogni giorno di più attraverso prodotti e servizi che collegano e danno significato alle informazioni sulla salute. Stiamo sviluppando soluzioni tecnologiche per consentire ai team di assistenza di fornire cure migliori, più veloci e più connesse. Stiamo lavorando su prodotti e funzionalità per consentire alle persone di essere più sane con le informazioni, l’assistenza e le connessioni di cui hanno bisogno per agire sulla loro salute. E stiamo esplorando l’uso dell’intelligenza artificiale per aiutare a diagnosticare il cancro, prevedere gli esiti dei pazienti, prevenire la cecità e molto altro. Il nostro lavoro completa la missione di Google di organizzare le informazioni mondiali e renderle universalmente accessibili e utili.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...