Partecipazione digitale forzata

La retorica tecno-abilista, la vulnerabilità socio-culturale, i contesti obbliganti e l’assenza di riflessione sulle alternative spingono i cittadini alla rassegnazione e all’accettazione, per loro stessi e per i loro figli e nipoti – in consumo, comunicazione e informazione, istruzione e ‘intrattenimento – di un universo vincolato, descritto e introiettato come l’unico mo(n)do possibile.

Anche le sottolineature dell’importanza del rispetto della privacy, del resto, tendono a risolversi nella determinazione di forme di contratto privatistico e nella messa a carico degli utenti dei servizi della verifica e del controllo della correttezza formale delle relazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...