L’umiltà culturale è una virtù

La geografa ambientale Samantha Saville auspica una “humble geography“, che valorizzi non solo le proprie prospettive specifiche ma anche la necessità di intersezioni ed interdipendenze con l’insieme del sapere.

Questo piuttosto che rivendicare obiettività o padronanza assolute del e nel proprio campo disciplinare, in contrasto perciò con l’approccio neoliberale alla cultura accademica, che diventa campo di competizione, in cui si deve produrre sempre di più, in modo efficace, ad alto impatto comunicativo, all’interno del proprio settore epistemologico e di potere.

Si tratta di un approccio che può essere davvero stimolante, se assunto come principio deontologico, perché può essere esteso a molti quadri concettuali e riaprire la strada all’attivismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...