Classificazione come potere

Secondo Crawford e molti altri autori, l’Intelligenza artificiale utilizza le classificazioni (ricevuto o costruite) per classificare il potere, per esempio l’egemonia maschile e caucasica di tipo sociale e linguistico nella valutazione dei curricula.

Più in generale

i modelli storici della disuguaglianza [influiscono] sull’accesso alle risorse e alle opportunità, modellando i dati. Questi dati vengono quindi estratti per essere utilizzati nei sistemi per la classificazione e il riconoscimento di modelli, producendo risultati che sono percepiti come oggettivi. Il risultato è (…) una macchina discriminatrice che si autoalimenta e che amplifica le disuguaglianze sociali con il pretesto della neutralità tecnica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...