Oppressione animale

Syl Ko sostiene che

la mia argomentazione si basa sul pensare alla questione animale come uno scontro vissuto nel razzismo interiorizzato. Il veganismo nero è la coscienza che emerge da questo scontro. Ed è in questa coscienza che affrontiamo il limite della nerezza e ne percepiamo l’indissolubile legame con l’“animale”. Ed è in questa coscienza che finalmente comprendiamo l’“animale” come un vasto corpo sociale. Pertanto, quando diciamo che “in sostanza, siamo animali”, smascheriamo la mossa dell’ideologia razziale, che implementa il concetto coloniale di “animale” al fine di distruggere gli esseri di tutto il pianeta, umani e non. Il nostro sentire è una risorsa epistemica. Nel veganismo nero impariamo a fidarci di quel sentimento e usarlo come slancio per teorizzare in che modo lo strumento coloniale dell’animalità influisce sugli animali. La scoperta è impressionante: non sono gli animali ad aver informato la nostra idea di “animalità”, l’“animalità” ha informato le nostre idee sugli animali

L’“animale” è [infatti] la categoria in cui intrappoliamo determinati corpi quando vogliamo giustificare la violenza nei loro confronti, ed è il motivo per cui la liberazione degli animali riguarda tutti coloro che sono minorizzati, perché basta un attimo per diventare un “animale” ed essere considerato sacrificabile.
Essere attiviste e attivisti antirazzisti radicali non significa rigurgitare, giorno dopo giorno, gli stessi concetti triti e ritriti, ma avere il coraggio di approfondire i diversi aspetti della supremazia bianca, che si manifestano in ambiti come quello delle nostre scelte alimentari e delle nostre attitudini verso altri gruppi vulnerabili. La radicalità richiede di sentirsi a disagio ed esporsi a idee nuove, idee che sfidano le strutture in cui ci muoviamo. Essere radicali significa porre domande difficili, affrontare visioni del mondo differenti e assegnare un valore superiore al pensiero critico piuttosto che alla popolarità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...