Google $earch

Minuto Rizzo e Sommella ci aiutano a capire le implicazioni di una visione della conoscenza diffusa come risorsa economica per il profitto:

La mancanza di concorrenza a Google e Facebook potrebbe risultare in un danno sostanziale per i consumatori, attraverso l’aumento dei prezzi di beni e servizi in tutta l’economia, la riduzione dell’innovazione, l’erosione della privacy e della protezione dei dati, così come danni sociali più ampi. Ad esempio, il peggioramento della qualità del motore di ricerca di Google è dimostrato dal fatto che ormai i primi risultati organici – ovvero quelli prodotti direttamente dall’algoritmo di Google – vengono visualizzati dopo molti messaggi risultanti, invece, dal servizio di pubblicità a pagamento di Google. Inoltre, il potere di mercato di Google gli consente di elevare il prezzo sopra il livello concorrenziale. Secondo alcune analisi della CMA, la stessa ricerca online fatta la medesima settimana su Google e Bing vede i prezzi del primo tra il 30% e il 40% superiori a quelli del secondo (Minuto Rizzo A. – Sommella R., “Ingovernabili. Grandi piattaforme, nuovi monopoli”, Luiss)