Alveare

Zuboff utilizza la metafora dello sciame e dell’alveare per descrivere come costruzione, presenza e continua esaltazione culturale di un apparato digitale ubiquo, di cui è parzialmente celato e fortemente mistificato lo scopo estrattivo e manipolatorio dei ccomportantenti determinano

il contesto mentale ed emotivo di una società strumentalizzata con architetture di controllo sociale, pressione sociale e potere asimmetrico.

(Zuboff, Il capitalismo della sorveglianza, capitolo 16)

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...