Industria della vita

Si tratta di un concetto centrale nelle riflessioni di Erik Sadin intorno al tecnolibertarismo  e alla suggestione di massa personalizzata. Essa capitalizza tutte le manifestazioni esistenziali in un modello economico agganciato ai gesti e ai flussi vitali, che attraverso dispositivi, sensori e altri oggetti connessi a internet e incorporati in ambienti fisici domestici, urbani, lavorativi, vengono trasformate in informazioni,

“poi elaborate allo scopo di costruire una conoscenza approfondita dei comportamenti e di innumerevoli fenomeni del reale, tutti destinati a essere sfruttati in diversi modi di ordine prevalentemente commerciale”.

L’intelligenza artificiale consente di costruire

“sistemi reagenti che offrano a miliardi di individui prodotti e servizi costantemente adattati su di loro”.

In questo modo, l’industria della vita:

  • adegua in modo robotizzato l’offerta alla domanda;
  • automatizza in modo personalizzato la gestiobe dei bisogni;
  • orienta la vita delle persone.

 

 

Un commento

  1. […] E perché nessuno ha di fatto mai preso in carico davvero questo aspetto. Al sovranismo delle conoscenze accademiche classiche, una sinistra snob e colta – in genere liceale – ha anzi unito il rifiuto aprioristico della riflessione sulle tematiche giuridiche, psico-sociali, economiche, politiche, filosofiche etiche, civili e soprattutto ibride implicate nella progressiva estensione dell’industria della vita. […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...