Sfera pubblica digitale

Afferma Bernhard Rieder (Digital Citizenship, in Posthuman Glossary, a cura di R. Braidotti e M. Hlavajova):

“ci si può (…) avvicinare alla questione della cittadinanza digitale (…) riferendosi alla questione delle ‘infrastrutture’ della democrazia, o delle ‘tecnologie della democrazia’ (…). possiamo descrivere queste piattaforme come “tecnologie del pubblico” che stanno plasmando il discorso pubblico, ad esempio introducendo regimi socio-tecnici di “visibilità del problema”, in cui le gerarchie dei problemi sono spesso stabilite da combinazioni di folle e algoritmi . Queste domande possono essere messe in contatto con diverse nozioni di sfera pubblica
Queste nuove sfere e nuovi discorsi pubblici sono caratterizzati dall’emergere e dalle trasformazioni dei modi di espressione e comunicazione, nonché dalla strutturazione della diffusione, del dibattito e della produzione di significato attraverso le piattaforme online (YouTube, Instagram, Twitter, Facebook, ecc.) e le modalità multidimensionali di circolazione tra di esse. I telefoni cellulari consentono la realizzazione di foto e video in movimento, la loro manipolazione tramite editing o filtri visivi, condivisione istantanea, commenti e forme complesse di ordinazione o raccolta. Oltre a altri formati visivo-narrativi, come la visualizzazione delle informazioni, i documentari web, ecc. Si aggiungono alla proliferazione di forme , la cui caratteristica principale è il loro incorporamento (collegamenti ipertestuali, elementi correlati, commenti, ecc.) E l’offuscamento tra ricezione e produzione (…).
Nuove forme visive e testuali di (auto) espressione e partecipazione influenzano non solo il panorama politico in quanto tale, ma anche lo sviluppo delle soggettività politiche e civiche. A questo proposito, la cittadinanza viene spesso discussa in relazione ai giovani e, in particolare, alla questione di come “produrre” cittadini, ovvero come assicurarsi che i giovani apprendano l’etica e le competenze richieste per la partecipazione civica e politica. Il concetto è spesso discusso in termini simili alla nozione ora meno attuale di ‘digital divide’: l’uso, e in particolare l’uso competente, definisce una logica in/out, dove l’obiettivo spesso esplicito è quello di coinvolgere quante più persone possibile. I cittadini sono, in un certo senso, semplicemente intesi come le unità funzionanti di una società liberale: “I cittadini digitali sono coloro che usano la tecnologia frequentemente, che usano la tecnologia per informazioni politiche per adempiere al loro dovere civico e che usano la tecnologia al lavoro per guadagni economici” (Mossberger et al. 2008). Tuttavia, l’uso della tecnologia implica partecipazione o impegno in senso politico? Il contesto sociale più ampio e le effettive ramificazioni per la partecipazione e l’impegno sono complessi ed è difficile generalizzare i risultati concentrandosi sugli individui. Mentre si possono effettivamente indicare studi che indicano la correlazione tra la frequenza dell’uso di Internet e l’impegno civico, tendenze più ampie minano conclusioni eccessivamente ottimistiche: “perché l’uso di Internet è ai massimi storici mentre l’impegno civico nel complesso continua a diminuire?” (…).
Affrontare questo problema inizia con la messa in discussione critica di termini come “nativo digitale”, in cui la competenza tecnologica è equiparata alla crescita in un ambiente in cui i dispositivi digitali sono facilmente accessibili. La questione della cittadinanza digitale in relazione ai giovani – e perché non considerare l’attivismo delle persone anziane come gli anziani spagnoli che si organizzano nel movimento ‘iaioflautas‘ – deve andare oltre la questione dell’accesso e delle competenze di base per analizzare la capacità delle persone di proiettare le proprie identità negli spazi collettivi ‘(…) e di sviluppare un’idea di come coinvolgere pratiche e immaginari politici senza ignorare le offerte del mezzo. Ciò include la questione di come movimenti come Anonymous possano funzionare sia come gateway per l’attivismo politico sia come via per lo slacktivism , l’illusione a bassa soglia di una partecipazione politica effettiva (…)”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...