Pratiche autoritative

Così Aloisi e De Stefano definiscono:

[i mutamenti intenzionali] che investono una nuova forza lavoro diversa, disomogenea, dispersa, che già oggi si confronta con le (nuove?) regole della tanto decantata “quarta rivoluzione industriale”. (…) [e] che rendono uniforme, invisibile e impotente il lavoro umano: dall’organizzazione algoritmica alla sorveglianza capillare, passando per il cottimo digitale dei lavoratori “loggati” o dei “bidelli” dell’internet. (…) [Si rende anche necessario] allargare il campo dell’inquadratura, includendo soprattutto le persone, e non solo le tecnologie, che sono coinvolte nel processo di accelerazione digitale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...