Macchinisti invisibili

Aloisi e De Stefano ci ricordano che

nel retrobottega della formidabile economia digitale si nasconde un esercito di lavoratori fantasma deputati all’innesco di processi, alla riparazione di errori, alla programmazione di stringhe di codice, o ancora responsabili di rimettere a posto bici, monopattini e vetture della mobilità condivisa, oppure della cottura di un hamburger, dello stoccaggio e del recapito di pacchi, dell’allestimento delle corsie dei magazzini della grande distribuzione.

(…) il lavoro sporco della seconda ondata della new economy non lo fanno le macchine intelligenti, ma i macchinisti invisibili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...