Pedinamento digitale

Riduzione dell’identità personale al profilo delle preferenze e delle attività online mediante costruzione algoritmica di modelli omologanti e riproposizione di contenuti analoghi a quanto già utilizzato. Determina una spirale autoreferenziale e una chiusura informativa, che compromettono la possibilità di comprensione e discernimento dei prosumer, perché interdicono l’accesso a opinioni e punti di vista differenti da quelli individuati dal pedinatore automatizzato.

Come rileva P. Sordi, gli smarphone infatti

(…) sono il complemento hardware della narrazione algoritmica: i mezzi attraverso i quali passa la comunicazione non sono più protesi del nostro corpo, ma sono incorporati (embedded ) nella nostra fisicità, nei nostri gesti e nelle nostre abitudini. L’interiorizzazione dei comportamenti legati ai dispositivi, alle app, ai giochi e ai servizi online è del resto il risultato di una progettazione specifica di prodotti che creano dipendenze. Invece di interrompere l’esperienza di un contenuto con la pubblicità, il modello di business dei social media rende l’interruzione e la pubblicità immanenti a rituali, azioni, tic che fanno dell’utente, prima che un lettore o uno spettatore o un ascoltatore, un cliente iscritto a vita al prodotto, stimolato da continue notifiche che ricordano e ricompensano la bontà dell’investimento fatto nella sottoscrizione del servizio.

 

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...