Bolla dei filtri

Forme di personalizzazione dell’accesso alla rete e dell’uso dei motori di ricerca e dei “social” che tendono a rinchiudere gli utenti nel recinto delle loro opioni e delle loro preferenze, alterando i rapporti con le idee e le informazioni e riducendo gli spazi democratici, che avrebbero bisogno del confronto tra punti di vista diversi. Rispetto alla “bolla” costituita da un medium tradizionale – per esempio un quotidiano a orientamento politico esplicito – quella dei filtri ha – secondo Pariser – tre caratteristiche distintive:

  • è invisibile, implicita e non dichiarata;
  • è centrifuga, perché tende a dividere e a isolare;
  • è frutto di una scelta della piattaforma e non dell’utente.

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...