Gig economy

Organizzazione del lavoro on demand, sempre più diffusa, che sfrutta un “esercito di forza lavoro” mediante il governo di bacini di lavoro vivo, costretto dai rapporti contrattuali a essere freelance e quindi parcellizzato e precarizzato.

L’economia dei lavoretti (traduzione che non rende completamente il senso del fenomeno) ha come strumento organizzativo di fondo la rete e le App, che hanno un ruolo di intermediazione e di supervisione delle prestazioni.

Vi coesistono lavoro qualificato e iperqualificato, precariato e alta professionalità, lavoro migrante e lavoro indigeno.

L’ideologia di fondo è il concetto del lavoro imprenditivo, in cui ogngi individuo proprietario mette a frutto il proprio capitale umano e sociale.

A questa retorica del lavoratore “free” , flessibile, corrispondono però prestazioni lavorative soggette a protocolli molto rigidi nei rapporti sia con l’azienda, sia con la clientela: al centro dell’organizzazione del lavoro è l’algoritmo che gestisce la piattaforma, che decide i tempi e i modi della prestazione e la remunerazione corrispondente.

 

 

 

 

 

 

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...