Nominazioni ambigue

L’espressione fa riferimento alle “truffe linguistiche” destinate a invisibilizzare forme di sfruttamento e di manipolazione e alle categorizzazioni strumentali al profitto e all’estrazione di consenso. Ne sono un esempio il lessico utilizzato per definire il rapporto di lavoro dei fattorini soggetti ad algocrazia – in particolare il concetto di “indipendenza” – l’impiego della formula “democrazia diretta” per i sondaggi eteroguidati della piattaforma Rousseau. Ma anche il concetto di alternanza scuola-lavoro o la ricerca in campo (eu)genetico, dove il rastrellamento del DNA è travestito con espedienti attrattivi. Oppure l’impiego del termine “dialogo” per definire la relazione con la macchina oggetto di coding.

Screenshot 2019-12-20 10.17.57

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...