Budget dell’attenzione

Secondo un approccio economico a comunicazione e informazione, ciascun potenziale consumatore dispone di una certa quota di tempo per dedicarsi al web.

Ragion per cui la gran parte degli utenti preferisce utilizzare siti che non abbiano costi di commutazione. Solo gli utenti con un tempo illimitato visitano i siti meno appiccicosi.

Dalla capacità di catturare l’attenzione – ovvero il tempo di permanenza – dei prosumer dipendono in larga misura le possibilità di profilazione e di profitto di un sito web.

Da questo punto di vista GAFAM, NATU e BATX sono costituite da aziende dell’attenzione.

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...