Fake

Articoli di questo tipo non servono a nulla.

Anzi, sono controproducenti.

L’egemonia del tecno-liberismo sulla conoscenza e il suo sfruttamento come merce sono da analizzare andando ben oltre la (sterile) contrapposizione tra conoscenze e competenze, tra l’altro in una scuola secondaria di secondo grado (nell’articolo “scuole superiori”!) tuttora canalizzata in modo classista (non parlo degli accessi formali, ma degli esiti sostanziali, compagn*!) nell’indifferenza di molti, tra cui quelli che: “Vabbé l’alternanza in tecnici e professionali, ma al liceo…”.

Pensare che il modello antropologico e socio-culturale di essere umano utilitarista funzionale all’economia della competizione e del saccheggio della natura-a-buon-mercato si sconfigga e si modifichi con una “buona istruzione” è non solo autoreferenziale, ma illusorio e – francamente – grottesco.

Continuare a ignorare che – alternativi ai dispositivi digitali tecno-liberisti – vi sono metodi, strumenti e usi divergenti, esplicitamente ed eticamente fondati su emancipazione delle menti e dell’agire e su relazioni cooperative e paritarie, preferendo la vanvera dei riferimenti generazionali e delle (in)capacità informatiche (sic!) degli insegnanti, è addirittura autolesionistico.

Significa precludersi studio e intelligenza critica e predisporsi ad essere travolti dalla retorica dell’efficienza e della riduzione del danno.

Qui sotto, l’accesso ad un’argomentazione più ampia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...