Macchina epistemica

Crawford ci ricorda che le pratiche di classificazione messe in atto dai sistemi di intelligenza artificiale configurano una «macchina epistemica, che produce etichette predittive dell’identità umana, basate spessissimo su genere binario, categorie razziali semplificate e discutibili valutazioni dei caratteri e dell’affidabilità finanziaria, con la conseguenza che gli schemi tecnici rinforzano le gerarchie e accrescono l’iniquità. L’apprendimento automatico, inoltre, si configura come protocollo di ragionamento normativo fondato su una potente razionalità di governance senza alternative.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...