Vincolo del/al mandante

Rispecchiamento del presunto vincolo di mandato, in realtà espressamente negato per i parlamentari italiani dall’articolo 67 della Costituzione della Repubblica, che conduce a un’espropriazione da parte di alcune formazioni politiche della sovranità popolare e della partecipazione politica dei cittadini.

Gli eletti alla Camera e al Senato vengono infatti considerati rappresentare, anziché la Nazione, i partiti che li hanno candidati in funzione di un programma di governo e i loro elettori diretti, che in questo modo vengono fidelizzati per un’intera legislatura e conseguentemente privati del diritto-dovere di discutere in modo libero, di considerare posizioni dialettiche, di confrontarsi ed – eventualmente – di cambiare orientamento.

Si tratta di una delle conseguenze più pericolose e meno evidenti del dibattito più che ventennale sulla governance in funzione del pensiero unico neoliberista, che è stata bandiera prima di Mario Segni e dell’introduzione del maggioritario, poi del berlusconismo trionfante e successivamente del renzismo sconfitto.

In questo momento questo approccio è appannaggio particolare della democrazia proprietaria del Movimento Cinquestelle, che fonda la propria pratica su una piattaforma politica estrattiva e sul cinismo digitale, e che è stato particolarmente abile a manipolare l’opinione pubblica e la sua indignazione di fronte all’immoralità personale di molti deputati e senatori transfughi.

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...