Sapere come sorveglianza

Il frutto dell’assolutizzazione delle procedure computazionali come approccio alla conoscenza è un sapere che si fonda sulla sorveglianza, perché può esistere solo a partire dalla captazione di dati disponibili e diretti. Questa logica sottrae agli esseri umani la capacità di pensare e agire razionalmente in assenza di certezze computabili.

La conoscenza è così ridotta a cognizione artificialmente  mediata e reattiva in rapporto a prove ed evidenze accumulate nel passato, che preclude un’azione immediata, efficace perché risponde al presente dei problemi. L’istruzione è concepita come adattamento mentale e adeguamento di competenze prescritte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...